CONIGLIO SOTT’OLIO ALLA PIEMONTESE



INGREDIENTI:

dose per 6 persone

1 coniglio a pezzi (circa 1,200 kg pulito)
2 costole di sedano
2 carote
1 cipolla
2 fette di limone
rosmarino
salvia
alloro
6 spicchi di aglio
2 dadi per brodo di carne
250 ml di vino bianco secco
1 lt di acqua
olio e.v.o. abbondante
sale, pepe in grani

PREPARAZIONE:

Unire in una pentola il sedano, le carote, l’alloro, la cipolla, il limone, il rosmarino, parte della salvia, i dadi, il vino, l’acqua, il pepe in grani e portare a ebollizione. Aggiungere il coniglio e cuocere per un’ora circa e comunque fino a quando sentirete la carne morbida che si stacca dalle ossa. Una volta spento il fuoco far raffreddare completamente e scoperto.
Questo accorgimento vi tornerà utile anche in altre cotture e serve per mantenere la carne più tenera.
Sbucciare l’aglio, tagliarlo a fette e disossare il coniglio riducendolo in pezzi non troppo piccoli, mettere tutto in una terrina ed unire le foglie di salvia alternando gli ingredienti con pepe e sale se necessario. Coprire completamente di olio e lasciar riposare il tutto almeno fino al giorno successivo.
Io lo servo sgocciolato e sull’insalata in estate ma pure con la polenta abbrustolita o fresca nella stagione fredda.
E’ un must della tradizione piemontese, chiamato anche se in maniera forse inappropriata ” tonno di coniglio” per le sue caratteristiche di colore, morbidezza e conservazione che richiamano quelle del tonno e pure per una leggenda legata a questa specifica ricetta.

CONIGLIO SOTT'OLIO ALLA PIEMONTESE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *