Sfogliando una vecchia raccolta di ricette ho trovato pietanze dimenticate degli anni 70/80 che oggi vi assicuro mi sembrano “incredibili”! Allora però le cucinavamo regolarmente senza farci tutti quei problemi che oggi ci assillano ogni qualvolta ci avviciniamo ai fornelli e a tavola. Alcune vengono addirittura dipinte orripilanti da alcuni siti, altre invece (e non poche) sono tuttora proposte in ristoranti d’élite e le paghiamo una cifra.

Devo dire che i miei corsi di cucina iniziati nel 2003 e terminati nel 2015 hanno subìto, lentamente ma inevitabilmente, una modifica sostanziale nella scelta di ingredienti, ricette ed argomenti proposti.
Ora che il mio lavoro è sul sito, cerco di attenermi alle richieste ed alla tendenza attuale, ma oserei dire senza timore di sbagliare, che anche in questo campo il mondo è cambiato.
Oggi mi invita molto l’idea di rivedere queste ricette vintage e crearne un nuovo corso online.
Prevale comunque l’esigenza di variarle un po’ nei condimenti e negli ingredienti di minore importanza e così farò, non me ne vogliano i convinti tradizionalisti d.o.c.
Ma vi ricordate i piatti? Gelatine abbondanti negli antipasti, maionese a gogò nelle insalate russe, paté e mousse di tonno o gamberetti; primi piatti che grondavano di burro fuso del tipo come i tortellini alla panna e prosciutto, pappardelle ai funghi.. e panna, pennette al salmone..e panna e via di seguito.
E i secondi piatti? Io ricordo quelli che mia mamma preparava abitualmente che spaziavano
dalla gallina ripiena ai cordon bleu.
Non parliamo poi dei dolci che esigevano creme al burro, ma erano di moda anche profiteroles, panna cotta, torta mimosa e tutto questo per chiudere in bellezza codesti pranzi leggeri.
E si mangiava tanto, troppo, io ricordo tavole imbandite con un’infinità di cose che io stessa preparavo in occasione di inviti. Oggi mi chiedo come fosse possibile e per fortuna questo delirio si è ridimensionato. Lo stomaco dei nostri giorni sembra non essere più quello di una volta come si suol dire, non solo per l’età che avanza, cosa scontata; a qualunque età sembra che la tolleranza a tavola si sia ridotta.
Bene, ora inizierò questo nuovo percorso, seguitemi e scrivetemi se vorrete condividere con me idee e suggerimenti. Nel tempo sicuramente aggiungerò altre ricette, lasciatevi tentare intanto da queste che a parer mio potrebbero valorizzare il vostro prossimo menù di Natale.
Voglia di ritorno al passato…qualcuno ha qualcosa di ridire? Io sì, magari fosse!!!!

RICETTE

PRIMI PIATTI:

Pennette con panna e salmone

Tortellini con panna e prosciutto

Tagliolini con panna e limone

SECONDI PIATTI:

Cordon bleu

Saltimbocca alla romana

Galletti ripieni

DOLCI:

Profiteroles

Plum cake

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO